PROCESSO PER STUPRO

si può stuprare una morale?

Fine anni ’70: alla Rai viene mandato in onda un processo per stupro. Come dice l’avvocatessa Tina Lagostena Bassi, “la giustizia era violenta tanto quanto gli stupratori per una donna in un’aula di tribunale”.

Oppure segui tutto il processo QUI.

Annunci

Informazioni su grexia

Femminismo e Anarchismo a Padova
Questa voce è stata pubblicata in da vedere/da ascoltare, donne e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a PROCESSO PER STUPRO

  1. Sandro ha detto:

    Ciao, sono un insegnante di Italiano in un Istituto Professionale. Stamani io, uomo, credo di essere stato l’unico insegnante nella mia scuola ad aver fatto qualcosa per l’8 marzo. Ho scaricato da Wikipedia un testo che riguarda il celebre “processo per stupro”, che io vidi a 25 anni e che mi cambiò la vita. Abbiamo letto in classe degli stralci delle arringhe dei difensori (andateveli a vedere su Wikipedia): le ragazze (coetanee della vittima) erano ammutolite, estenuate; ma il peggio è avvenuto quando alcuni ragazzi si sono dichiarati d’accordo con alcuni argomenti della difesa, intendiamoci, non sono stronzi o violenti, sono dei bravi ragazzi, normali, purtroppo. Le ragazze sono allibite, e l’atmosfera in classe è diventata allucinata: erano i loro compagni e amici ed era come se vedessero degli alieni, come se non li avessero mai conosciuti. Una aveva le lacrime agli occhi. Io mi sono dovuto dominare per non uccidere qualcuno. Alla fine una ragazzina a mezza voce ha commentato uscendo: “via… bisogna stare più attente a chi si dà”.
    Ora spero nel week end per riprendermi. Ciao.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...