“ITALIANI ASSASSINI”

Ma come? i giornali rumeni ancora non intitolano “Italiani Assassini”? ma se i padroni italiani continuano a massacrare i lavoratori rumeni (oltre ai lavoratori in generale) … costretti, se vogliono lavorare, a condizioni pericolose… altrimenti “torna a casa che ne trovo un altro” … o peggio ancora accadono situazioni in cui vengono bruciati vivi… insomma ma se i padroni italiani continuano a massacrare i lavoratori romeni… allora perchè i romeni non si incazzano e non fanno ciò che noi ogni giorno facciamo con i rumeni, con gli immigrati, con gli zingari … perchè non ci dicono “VOI ITALIANI SIETE TUTTI CRIMINALI”

E ora per rallegrare l’articolo, ci infilo una lunga lista degli incidenti sul lavoro racimolati dal web… sono sicura che cercando se ne trovano molti altri (per l’originale clicca su questo indirizzo) !

E se avete ancora tempo da perdere (eheheh!!!) navigate un po’ tra gli articoli di quest’altro sito, e vi verrà tanta tanta voglia di incazzarvi….

Infine vi consiglio un interessante film di Ken Loach: “Paul, Mick e gli altri”, girato ormai parecchi anni fa, dalle prime scene vi sembrerà una storia di oggi! Purtroppo ci stanno facendo fare parecchi passi indietro!

8 gennaio 2007 – Due operai muoiono a Pegognaga (Mantova) dopo una caduta nell’imbuto di un silo di una azienda agricola, durante operazioni di pulizia.

12 Marzo 2007: due operai romeni muoiono travolti dalla ghisa fusa nella Fonderia Anselmi, a Camposampiero (Padova).

16 marzo 2007 – Padre e figlio muoiono a Cogollo di Tregnago (Verona), uccisi dalle esalazioni provenienti dalla cisterna in cui si erano calati per eseguire lavori di manutenzione.
23 aprile 2007 – Una fabbrica di fuochi d’ artificio esplode a Gragnano (Napoli); muoiono il titolare e due nipoti che lavoravano con lui.
11 maggio 2007 – Due morti, e 32 feriti, per un’esplosione in una fabbrica di fuochi d’artificio a Piane di Montegiorgio (Fermo).
24 maggio 2007 – A Correggio, due muratori sono uccisi dal crollo del muro di un vecchio fienile da ristrutturare.
18 giugno 2007 – Il crollo di un cornicione di un albergo in ristrutturazione a Ischia travolge un’impalcatura: muoiono due operai rumeni.
6 dicembre 2007 – Incendio alla Thyssen Krupp a Torino: sette operai, fra i 26 e i 54 anni, muoiono nel giro di 24 giorni. E’ il piu’ grave incidente degli ultimi anni.
18 gennaio 2008 – Due operai addetti ai lavori di pulizia della stiva di una nave a Porto Marghera (Venezia) muoiono asfissiati dalle esalazioni di gas.
6 febbraio 2008 – Quattro persone, tutte appartenenti alla stessa famiglia, muoiono nell’esplosione di una fabbrica di fuochi d’artificio nel comune di Orvieto.
3 marzo 2008 – Cinque persone muoiono a Molfetta (Bari) per le esalazioni liberatesi durante la pulitura della cisterna di un camion. Nella cisterma muoiono tre dipendenti e il titolare dell’azienda ‘Truck center’, calatisi successivamente nella cisterna nel tentativo di salvare i colleghi, mentre un altro lavoratore muore in ospedale il giorno seguente.
16 aprile 2008 – A Cornate d’Adda, due operai dipendenti dell’azienda Masterplast muoiono per l’esplosione di un macchinario per la lavorazione della plastica; le vittime sono un italiano ed un cittadino del Burkina Faso. Un terzo operaio resta ferito.
22 aprile 2008 – Il titolare di un’azienda di trasporti e un suo parente muoiono folgorati in un incidente a Schiavonia d’Este (Padova), mentre lavorano alla pulizia della cisterna di una betoniera.

10 Giugno 2008: Verona, rumeno viene BRUCIATO per riscuotere il premio assicurativo

11 Giugno 2008: Pordenone, operaio romeno muore, mentre lavorava su un tetto che ha ceduto sotto il suo peso

Annunci

Informazioni su grexia

Femminismo e Anarchismo a Padova
Questa voce è stata pubblicata in da vedere/da ascoltare, pensieri astratti e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a “ITALIANI ASSASSINI”

  1. Archimede39 ha detto:

    Dedicato agli imprenditori – La pena di morte in Italia esiste: è il lavoro
    Sei operai morti in provincia di Catania, uno a Nuoro, uno ad Alessandria, uno ad Imperia … uno in ogni città …. Tutte queste persone legate da un’unica sorte: MORTI SUL LAVORO , condannati a morire da imprenditori senza scrupolo che vedono la sicurezza solo come un oneroso adempimento. Guai a spendere soldi per garantire ai lavoratori un lavoro dignitoso, l’importante è il profitto, anche se questo può provocare la morte di un uomo. Che importa, in fondo si tratta solo di operai ed in quanto tali degni solo di essere sfruttati, ridotti ad essere come automi dia ritmi stressanti che i datori di lavoro impongono, e come se non bastasse costretti a lavorare sempre in totale insicurezza. Troppo costoso dotare gli operai dei dispositivi di protezione individuali che avrebbero permesso loro di continuare a vivere, troppo costoso utilizzare una gru per spostare una centina in galleria, meglio un escavatore … il risultato di tutta questa speculazione si vede! E’ sotto gli occhi di tutti, ogni giorno tre, quattro persone muoiono a causa di questi comportamenti … e non basta … una volta che l’incidente è accaduto, si cerca anche di scaricare le proprie responsabilità sui lavoratori! “E’ colpa loro adottano sempre dei comportamenti scorretti … non riusciamo a far rispettare le norme agli operai.” Queste le vostre scuse … VERGOGNATEVI , VOI E QUELLI CHE VI DIFENDONO A SPADA TRATTA!! “Troppo pesanti le sanzioni inserite nel nuovo decreto legge sulla sicurezza …. Modifichiamolo, anzi eliminiamolo” Questo lo slogan delle associazioni imprenditoriali!! Lo stato condanna i responsabili di questi omicidi a pochi anni mesi di reclusione e a qualche migliaio di Euro di sanzione(nelle poche volte in cui i veri responsabili sono puniti)… Voi però applicate ai lavoratori pene ben più severe: condannate gli operai ai “LAVORI FORZATI”, li condannate alla “PENA DI MORTE”…. Sono contrario alla pena di morte … ma qualche anno di “LAVORI FORZATI” magari nei vostri luoghi di lavoro ve lo farei fare volentieri!!
     

  2. grexia ha detto:

    Grazie per il tuo intervento. Metto in evidenza il tuo sito, perchè mi sembra che stia facendo un ottimo lavoro!
    Un bacio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...